Consulenze

Se vuoi richiedere una consulenza a distanza puoi farlo da casa tua usando il telefono o skype.

Richiedi una consulenza a distanza cliccando qui 

Richiedi una consulenza in studio a Milano cliccando qui 

 

 

Rimani aggiornato


 

 

 

 

 

e-book Green Therapy

e-book-Green-Therapy-I-segreti-di-guarigione-della-natura-Scilla-Di-Massa

Social Network

facebook-scilla-di-massalinkedin-scilla-di-massatwitter--scilla-di-massa

Cerca

Scilla di Massa

Logo-Fiore-Scilla-di-Massa
"Siamo predestinati a trovare
quello che stiamo cercando"


Incomincio a perdere la memoria: è il caso di preoccuparsi? Stampa E-mail

100 0605Dov’è quella parola?… l’avevo sulla punta della lingua… Dove ho messo il cellulare?

Qual è il nome di quella persona che mi ha appena salutato? Ho scritto la lista della spesa e adesso non so più dove l’ho messa…

Succede a tutte noi. La memoria ogni tanto fa cilecca. Soprattutto da quando siamo entrate in menopausa. Un po’ ci ridiamo su, ma c’è una parte profonda di noi che si mette in allerta: non mi starà mica venendo l’Alzheimer?

Di questa malattia, di cui fino a 20 anni fa si parlava poco, abbiamo tutte paura. Qual è il confine tra piccole perdite di memoria occasionali e la spia, invece, di qualche cosa di più preoccupante?

Il confine non è definito. Ma sappiamo che, dopo i cinquanta, se ci dimentichiamo una parola e poi la ricordiamo dopo un po’, se ritroviamo qualcosa che avevamo perso ripercorrendo i gesti e i movimenti che abbiamo fatto e, soprattutto, se abbiamo uno stile di vita sano e gioioso, siamo ancora in tempo per prevenire l’Alzheimer o per lo meno per ritardare il più possibile la sua comparsa.

Ecco allora alcuni consigli naturali per avere una mente giovane.

  • Fate ginnastica e muovetevi il più possibile: ci sono centinaia di lavori che dimostrano che il movimento fisico, a cominciare da una bella passeggiata tutti i giorni per poi continuare con un allenamento fisico in palestra o, quando si può, anche all’aperto, sono indispensabili per la plasticità del cervello. Tenere in forma il corpo significa tenere in forma la mente. Inoltre l’attività fisica combatte ansia e depressione. Secondo alcuni studi bastano anche solo 10 minuti di attività aerobica, cioè unita alla respirazione, per prevenire l’Alzheimer e le demenze senili. L’ossigeno è molto importante nella prevenzione dell’Alzheimer.
  • Tenete in esercizio il cervello imparando un’attività nuova: un ballo, una lingua straniera, un corso di arredamento di interni, qualsiasi cosa vi piaccia, vi dia gioia e abbia un progetto finale: per esempio un viaggio nel paese di cui avete imparato la lingua.
  • Mangiate nel modo giusto, tanta frutta e verdura fresche, legumi ma anche un po’ di carne (la mancanza di B12 è uno dei fattori che può portare all’Alzheimer), e poi cibi ricchi di acidi grassi essenziali come pesce, noci e nocciole, semi (di girasole, di zucca e di sesamo), olio d’oliva.
  • Cercate di gestire l’ansia. L’ansia continua e protratta nel tempo diventa fattore di stress e di certo non fa bene al cervello. Ci sono moltissimi integratori antiansia che possono aiutare, come per esempio la Teanina, ma fa bene anche dedicarsi ad attività come lo yoga, il tai ji chuan, il nordik walking.
  • Curate la depressione: se ci si chiude al mondo si chiude anche il cervello. Se avete la sensazione che niente più vi interessi, che la miglior parte della vita è andata e tendete ad isolarvi, ricorrete all’aiuto di uno specialista. Soprattutto se siete all’inizio di questa china discendente ci sono alcune sostanze naturali, come l’Iperico, la Rodiola, la Withania, l’Ashwagandha, che possono aiutare.
  • Dormite almeno 8 ore per notte: così il cervello ha il tempo di autoripararsi rispetto agli stress della giornata.
  • Prendete gli integratori giusti sotto consiglio di uno specialista: gli studi hanno dimostrato che la Bacopa Monnieri, una pianta indiana, migliora la memoria e la concentrazione e sembra addirittura che possa portare a una riduzione della placca beta amiloide, la sostanza tossica che si deposita nelle cellule nervose e che porta l’Alzheimer. Un’altra pianta preziosissima è la già citata Withania somnifera che non solo stimola memoria e funzioni cognitive, ma aiuta a combattere sia ansia sia depressione. Fanno bene anche piante come il Ginko, la Scutellaria, il Noni, l’alga Klamath.
  • Curatevi con gli oli essenziali. Ci sono alcuni oli essenziali come quello di Mirra e di Incenso che contengono sesquiterpeni: particelle piccolissime che passano la barriera ematoecefalica del cervello e trasportano ossigeno, rivitalizzando i tessuti neuronali. Ma per avere questo effetto debbono essere puri e di ottima qualità.

 INCOMINCI A PERDERE LA MEMORIA? FAI FATICA A CONCENTRARTI? TI SENTI STANCO MENTALMENTE?

RICHIEDIMI UNA CONSULENZA!

 

In studio a milano clicca qui

 

A distanza clicca qui

 

 

 

Ambiti di intervento

menu_arrow   Abbandono

menu_arrow  Ansia

menu_arrow  Attacchi di panico

menu_arrow   Insonnia

menu_arrow  Intestino pigro

menu_arrow  Mancanza d'affetto

menu_arrow  Mancanza di autostima

menu_arrow  Menopausa

menu_arrow  Paure

menu_arrow  Perdita

menu_arrow  Periodo di crisi

menu_arrow  Pressione alta

menu_arrow  Problemi con il cibo

menu_arrow  Stanchezza

menu_arrow  Stress e disturbi correlati

menu_arrow  Tristezza