Consulenze

Se vuoi richiedere una consulenza a distanza puoi farlo da casa tua usando il telefono o skype.

Richiedi una consulenza a distanza cliccando qui 

Richiedi una consulenza in studio a Milano cliccando qui 

 

 

Rimani aggiornato


 

 

 

 

 

e-book Green Therapy

e-book-Green-Therapy-I-segreti-di-guarigione-della-natura-Scilla-Di-Massa

Social Network

facebook-scilla-di-massalinkedin-scilla-di-massatwitter--scilla-di-massa

Cerca

Scilla di Massa

Logo-Fiore-Scilla-di-Massa
"Siamo predestinati a trovare
quello che stiamo cercando"


Prevenire l'influenza a tavola Stampa E-mail

its-allergy-season-picture-id497835726Un grammo di vitamina C al giorno. Latte e curcuma. Tisane di zenzero. Ci illudiamo che con queste precauzioni riusciremo, almeno quest’anno, a eludere l’influenza, i mal di gola, i raffreddori che funestano il nostro inverno.

Purtroppo non è così: prendere un grammo di vitamina C al giorno non solo è sbagliato ma controproducente: le cellule che assimilano questa vitamina, infatti, se bombardate quotidianamente da dosi eccessive, finiscono con il perdere i recettori, e quindi quando abbiamo veramente bisogno di un extra di vitamina C… non l’assimiliamo.

Stessa cosa per latte e curcuma. È una bevanda indiana molto di moda anche da noi, ma mentre in India spesso il latte è l’unica proteina che viene consumata in una giornata-data la povertà del paese e l’alimentazione prevalentemente vegetariana- qui da noi si somma alle altre proteine che mangiamo durante la giornata, e può dar luogo all’acidosi, uno squilibrio di cui parleremo in un prossimo articolo. Inoltre bere latte tutti i giorni non è raccomandabile, poiché, soprattutto negli adulti, fa fatica ad essere digerito e può creare intolleranza.

E per finire lo zenzero: ottimo rimedio dalle proprietà riscaldanti e stimolanti del sistema immunitario. Ma è una radice, non una pianta per cui per essere veramente efficace va consumato sotto forma di decotto e non di tisana.

Una volta sgombrato il campo vediamo che cosa possiamo fare per prevenire febbre e disturbi respiratori.

Dobbiamo tener ben presenti 3 fattori:

  • Il sistema immunitario si trova al 60/70 per cento nell’intestino.
  • Tutte le mucose dell’organismo: naso, seni paranasali(quelli della sinusite) gola, bronchi, polmoni, risentono delle condizioni dell’intestino.
  • Quindi se l’intestino è infiammato-e ce ne accorgiamo perché abbiamo spesso pancia gonfia, meteorismo, diarrea o stitichezza o perché stiamo ingrassando e non capiamo come mai- se l’intestino è infiammato, dicevo, il sistema immunitario non funzionerà a dovere, e ci ritroveremo l’inverno costellato di mal di gola, o di raffreddori che non passano mai.

Ma perché l’intestino si infiamma? Le ragioni sono molteplici, spesso basta uno stato di stress prolungato nel tempo per squilibrare il nostro apparato gastrointestinale, ma altrettanto spesso ci troviamo ad avere a che fare con le intolleranze alimentari, oggi più correttamente chiamate “infiammazioni da cibo”.

Diversamente dalle allergie, che si manifestano in maniera violenta, spesso a carico della pelle , le intolleranze sono dovute al consumo eccessivo di un determinato alimento e hanno un esordio lento e silenzioso: spesso si sospetta della loro presenza solo quando la persona riferisce episodi ricorrenti di mal di gola, di raffreddore o di influenza, oppure altri disturbi che non si riescono a debellare come la cistite ricorrente, o una candida ostinata. A volte persino uno squilibrio della tiroide può essere causato da un’intolleranza alimentare.

La vera prevenzione dall’influenza è quindi un riequilibrio della propria alimentazione che non escluda nessun cibo, ma che, sotto la guida di uno specialista, ridimensioni il consumo di alcuni alimenti che creano infiammazione. Primi tra tutti il grano e i latticini: il grande medico Jean Seignalet sosteneva che eliminando questi due cibi si possono debellare la maggior parte delle infiammazioni dell’organismo.

Senza arrivare a tanto la naturopatia prevede che il consumo di grano venga ridotto a che al suo posto si consumino altri cereali, preferibilmente in chicchi: ottimo l’orzo, che già di per sé disinfiamma l’intestino, e bene il riso integrale, il miglio, la quinoa. Per quanto riguarda i latticini, consumarli massimo un paio di volte la settimana, e ben distanziate tra di loro.

Solo quando si è riequilibrata l’alimentazione e disinfiammato l’intestino, a volte anche con integratori specifici a base di probiotici e prebiotici, si può pensare a prendere, con la guida del naturopata, alcuni complementi alimentari a base di piante, vitamine, minerali, che ci aiutino a non metterci a letto proprio a Natale, o quando stiamo per partire per le vacanze invernali.

Ti ammali spesso di influenza, mal di gola, raffreddore? Allora è il caso di richiedere una bella consulenza naturopatica per migliorare le difese immunitarie. RICHIEDIMI UNA CONSULENZA:

In studio a milano clicca qui

A distanza clicca qui

 

 

 

Ambiti di intervento

menu_arrow   Abbandono

menu_arrow  Ansia

menu_arrow  Attacchi di panico

menu_arrow   Insonnia

menu_arrow  Intestino pigro

menu_arrow  Mancanza d'affetto

menu_arrow  Mancanza di autostima

menu_arrow  Menopausa

menu_arrow  Paure

menu_arrow  Perdita

menu_arrow  Periodo di crisi

menu_arrow  Pressione alta

menu_arrow  Problemi con il cibo

menu_arrow  Stanchezza

menu_arrow  Stress e disturbi correlati

menu_arrow  Tristezza