Consulenze

Se vuoi richiedere una consulenza a distanza puoi farlo da casa tua usando il telefono o skype.

Richiedi una consulenza a distanza cliccando qui 

Richiedi una consulenza in studio a Milano cliccando qui 

 

 

Rimani aggiornato


 

 

 

 

 

e-book Green Therapy

e-book-Green-Therapy-I-segreti-di-guarigione-della-natura-Scilla-Di-Massa

Social Network

facebook-scilla-di-massalinkedin-scilla-di-massatwitter--scilla-di-massa

Cerca

Scilla di Massa

Logo-Fiore-Scilla-di-Massa
"Siamo predestinati a trovare
quello che stiamo cercando"


Come guarire dal mal d'amore Stampa E-mail

bleeding heart«Sapevo che mi sarei sentita meglio… MA NON COSI’ MEGLIO!. Forse allora non lo amavo davvero?».

Nei miei 22 anni di consulenza floriterapeutica ho sentito tante donne ( e qualche uomo) farmi questa domanda. Arrivano nel mio studio distrutti dalla fine di un rapporto sentimentale, in crisi con se stessi, depressi-ansiosi-tristi, qualche volta inappetenti, il più delle volte insonni.

La cosa fondamentale è farli stare meglio. Bando alle chiacchiere, inutile l’analisi dell’altro, quello che se ne è andato, con frasi molto femminili tipo «Lo so che ha paura», «Da piccolo non è stato amato».

Si parte con una miscela di Fiori californiani: uno per il cuore spezzato, un altro per la sensazione di tristezza e di fallimento, un altro ancora per la sensazione di peso sul cuore. In genere in dolore viene alleviato e si apre una quieta accettazione di quello che è successo.

Non è un caso che io oggi lavori con 450 essenze floreali. Non potrei fare a meno dei Fiori californiani: mi aiutano nei problemi sentimentali, nelle difficoltà di coppia, nei problemi con il nostro aspetto fisico, nella difficoltà della “Donne Alpha” ad essere femminili pur ricoprendo ruoli in cui debbono mettersi i baffi.

Così quando c’è un dolore sentimentale ricorro a quest’essenze di fiori che spuntano sotto il sole della California.

La miscela magica, quella che manda temporaneamente in anestesia, funziona sempre.

Ma il vero lavoro inizia dopo. Con Pink Monkeyflower, un dei fiori californiani che apprezzo di più, aiuto le persone a conservare la fiducia nell’altro e a rendersi vulnerabili, malgrado l’esperienza recente di cuore infranto o di trauma sentimentale. Con Honeysuckle dei fiori di Bach le stimolo a staccarsi dal passato, e con Holly e Gentian trasformo la rabbia e il sentimento di vendetta in un perdono attivo, una dimensione in cui si lascia andare l’altro e si cerca di capire quello che di buono ha comunque fatto per noi.

Poi si va più in profondità, e sempre con i Fiori Californiani, si lavora sui modelli genitoriali: sappiamo che i partner che ci scegliamo sono spesso la fotocopia…del genitore da cui ci sentiamo amati meno. Baby blue eyes per chi ha avuto un padre violento, per esempio. O California Wild Rose se ci sentiamo vittimizzati dalla nostra infanzia e non riusciamo a superare il dolore.

A volte però, dietro le nostre difficoltà sentimentali, si nascondono problemi karmici, nati nelle vite passate, durante le quali abbiamo sofferto e fatto soffrire, siamo stati abbandonati e abbiamo abbandonato e tradito. In questi casi i migliori alleati sono i fiori Alaskani, che lavorano direttamente sull’anima, o i Fiori Indiani, che sciolgono nodi creati tanto tempo fa.

Non bisogna mai rassegnarsi alla difficoltà di trovare un partner o di stabilire con lui una relazione di coppia matura e sana. Ognuno di noi si porta dentro una storia, a volte fatta di delusioni, amarezze, tentativi. Ma alla fine si riesce a dipanare la matassa. La floriterapia non ci assicura di trovare la persona giusta, ma toglie gli ostacoli dentro di noi che impediscano che accada.

Come si diceva in un film francese che ho amato molto, La belle histoire: «Ci vogliono molte vite per imparare ad amare».

 

 

 

Ambiti di intervento

menu_arrow   Abbandono

menu_arrow  Ansia

menu_arrow  Attacchi di panico

menu_arrow   Insonnia

menu_arrow  Intestino pigro

menu_arrow  Mancanza d'affetto

menu_arrow  Mancanza di autostima

menu_arrow  Menopausa

menu_arrow  Paure

menu_arrow  Perdita

menu_arrow  Periodo di crisi

menu_arrow  Pressione alta

menu_arrow  Problemi con il cibo

menu_arrow  Stanchezza

menu_arrow  Stress e disturbi correlati

menu_arrow  Tristezza